Le dipendenze

Dipendenza dalle droghe

Negli articoli utilizzo il maschile per comodità, ma ciò che leggi vale sia per gli uomini che per le donne. Tutto quello che leggi è a puro scopo informativo e non sostituisce il parere di un medico. In qualità di affiliato amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.

La dipendenza dalle droghe

Tossicodipendenza definizione

Il tossicodipendente vive una grave condizione patologica, chi è dipendente dalle droghe ha perennemente la necessità di assumere una sostanza indipendentemente dal danno psicologico, sociale e fisico che essa provoca. La maggior parte delle volte il tossicodipendente fa uso della sostanza per ricercare piacere ed euforia, queste sensazioni sono percepite dal cervello come un estremo bisogno da ottenere a qualsiasi costo. Proprio per questo motivo, i tossicodipendenti, perdono lavoro, famiglia e gli amici. La tossicodipendenza non riguarda solamente le sostanze stupefacenti, ma anche l’alcol, il fumo di sigaretta e l’uso prolungato di medicinali ad esempio per la cura della depressione o dell’ipertensione. La dipendenza da farmaci crea dipendenza fisica invece la dipendenza da sostanze illegali (eroina, cocaina ecc) e da oppioidi crea soprattutto dipendenza psicologica e anche fisica, accompagnata da parecchi effetti collaterali.
Tossicodipendenza elementi comuni:

  • Astinenza, generata dall’improvvisa sospensione delle sostanza
  • Tolleranza, l’organismo ha bisogno di dosi sempre più alte per raggiungere l’effetto desiderato

La dipendenza da droghe e/o farmaci causa danni a breve e lungo termine, tra cui disturbi psicologici, sociali e di salute.

Dal punto di vista sociale e medico il tossicodipendente è colui che ha raggiunto un grado di intossicazione da non poter più fare a meno della sostanza. Il tossicomane può diventare a sua volta uno spacciatore e/o a mettere in atto condotte delittuose.

Come capire se una persona è tossicodipendente

La persona tossicodipendente nonostante il danno psicologico, affettivo, emotivo, fisico e sociale sente la necessità frequente ed inarrestabile di assumere la droga.

dipendenza dalle droghe

Sintomi della tossicodipendenza da benzodiazepine e barbiturici

  • Vertigini
  • Vuoti di memoria
  • Letargia
  • Vuoti di memoria
  • Difficoltà respiratorie
  • Difficoltà della masticazione
  • Movimenti scoordinati
  • Depressione
  • Ipotensione
  • Stato confusionale

 

Sintomi della tossicodipendenza da analgesici e narcotici (morfina, metadone, eroina)

  • Depressione
  • Sedazione
  • Irritazione della pelle dovuta alle iniezioni della droga
  • Depressione
  • Alterazione degli odori
  • Respiro rallentato

Sintomi della tossicodipendenza da sostanze stimolanti  (anfetamina, cocaina etc)

  • Euforia
  • Depressione
  • Anoressia
  • Insonnia
  • Ipertensione
  • Irritabilità
  • Congestione nasale, danno della mucosa nasale (stupefacenti in polvere)
  • Irrequietezza
  • Paranoie

Sintomi della tossicodipendenza da Ecstasy (MDMA) e ketamina

  • Maggiorata alterazione di udito, gusto e vista
  • Estrema euforia
  • Bradicardia e/o tachicardia
  • Sonnolenza
  • Ipertensione, ipotensione
  • Incapacità di scegliere
  • Perdita di coscienza
  • Riduzione dei freni inibitori
  • Movimenti scoordinati

 

Sintomi della tossicodipendenza da allucinogeni LSD, fenciclidina

  • Percezione della realtà estremamente ridotta
  • Tremore
  • Tachicardia
  • Estrema riduzione della percezione della realtà
  • Modificazione permanente o temporanea della percezione delle realtà
  • Inappetenza (fenciclidina)
  • Aggressività (fenciclidina)
  • Delirio (fenciclidina)
  • Depressione (fenciclidina)
  • Attacchi di panico (fenciclidina)

Sintomi della tossicodipendenza da marijuana e hashish

  • Aumento della fame
  • Occhi rossi
  • Vuoti di memoria
  • Ipertensione
  • Tachicardia
  • Alterazione dell’udito e della vista
  • Alterazione del sapore dei cibi
  • Pensieri paranoici
  • Rallentamento dei riflessi

 

Sintomi della tossicodipendenza da alcol

  • Ricerca compulsiva della sostanza
  • Tolleranza alla sostanza
  • Comportamenti violenti
  • Cirrosi epatica
  • Pancreatite cronica
  • Disturbi digestivi
  • Rimpicciolimento del cervello
  • Carenza di fibre

dipendenze

Sostanze d’abuso legali ed illegali

Stimolanti

  • Cocaina, anfetamina, metilfenidato e destro-anfetamina. Provocano la tolleranza, quindi il bisogno di assumerne sempre di più

Allucinogeni

  • Fenciclidina (polvere d’angelo), mescalina, LSD, psilocibina. Provocano allucinazioni

Antidolorifici e oppiacei

  • Oppio, eroina, ossicodone, codeina, meperidina, idromorfone. Provocano una sedazione alternata tra euforia e sonnolenza

 

Marijuana e Hashish

Fumo di sigaretta, alcol e alcuni farmaci.

 

La dipendenza da sostanze è un disturbo recidivante e cronico caratterizzato da:

  • Continua ricerca e assunzione della sostanza
  • Incapacità nel limitare l’assunzione della sostanza
  • Quando la persona dipendente da sostanze non ha accesso alle stesse diventa ansioso, irritato e nervoso

Gli effetti negativi sulla salute sono diretti (ad esempio iniettata attraverso aghi non sterili) e indiretti      (cirrosi epatica, cancro, epatite B e C, depressione e AIDS) .

Cause della tossicodipendenza

Le cause che portano alla tossicodipendenza sono abbastanza scontate. La persona pur sapendo a cosa va incontro, è spinta da un’irrefrenabile desiderio di assumere una data sostanza per ottenere euforia e piacere. Molti ex tossicodipendenti raccontano come il tutto sia iniziato per trasgressione, per sfida o anche solo per curiosità con la certezza di poter smettere quando e come si vuole, ovviamente questa certezza viene smontata poi dai fatti. Il cervello, con l’assunzione di sostanze stupefacenti, si altera nelle sue capacità di percepire il piacere. Possono esserci anche cause genetiche, ma non vuol dire che un bambino nato da una madre o un padre tossicodipendente lo diventi anche lui. Altre cause possono essere ambientali o di compagnie sbagliate, chi frequenta persone che abusano di droghe, alcol o fumo sicuramente è più predisposto. Molte volte la tossicodipendenza è la conseguenza di un disturbo di personalità.

La cosa importante da sottolineare è che siamo noi a scegliere e che quindi la causa della tossicodipendenza è nostra.

 

dipendenza dalle droghe

 

Uscire dalla tossicodipendenza

Quasi sempre i tossicodipendenti non vedono una via d’uscita dalla loro situazione e questo riguarda sia chi abusa di farmaci e sia chi abusa di droghe.

Sicuramente il supporto degli amici e dei familiari è importantissimo ma non basta, ci vuole un approccio terapeutico e farmacologico. Per uscirne, prima di tutto, bisogna capire ed intervenire sulle motivazioni per le quali la persona ha iniziato ad abusare della sostanza. Bisogna farsi aiutare da uno psicoterapeuta esperto, provare ad uscirne da soli significa avere a che fare con una serie di ostacoli difficili da superare, se non aiutati. Non sempre basta la forza di volontà, molte volte alla base dell’abuso di sostanze c’è una problematica psicologica o un disturbo di personalità, e quindi va affrontata con l’aiuto di un medico.

Dipendenza dalle droghe e disturbi di personalità

La letteratura mostra che esiste un collegamento tra disturbi di personalità e  disturbo da uso di sostanze. Il disturbo antisociale, il disturbo borderline, il disturbo istrionico e il disturbo narcisistico aumentano le probabilità di sviluppare la dipendenza da droghe. Ogni tipologia di sostanza produce effetti differenti, dietro l’uso di una determinata sostanza c’è una motivazione influenzata da un preciso disturbo di personalità. Ad esempio c’è un’incidenza molto alta di persone con disturbo di personalità narcisistica diagnosticata e l’uso di eroina, cocaina o di entrambe.

Cocaina e psico-stimolanti vengono usati per regolare il tono dell’umore (depressione, ipomania e mania), invece gli oppiacei per abbassare l’angoscia, la sofferenza psicologica associata alla rabbia, tristezza e emozionalità negativa.

Dalla tossicodipendenza si può uscire, se tu o un tuo amico/parente/figlio ne soffre chiedi aiuto ad un esperto.

 

Gli psicofarmaci creano sempre dipendenza?

La dipendenza da farmaci e psicofarmaci avviene quando si fa un uso scorretto del farmaco:

  • Un uso protratto per più di sei mesi senza un controllo medico
  • Quando la persona che ne fa uso se lo auto somministra con tempi e dosi inadeguati
  • Dosaggio elevato
  • Quando la cura viene interrotta bruscamente e si associano sostanze d’abuso come droghe e alcol

Gli psicofarmaci vengono utilizzati in particolari situazioni quali gravità delle condizioni mentali o per aumentare l’efficienza della psicoterapia.

I farmaci e gli psicofarmaci che possono dare dipendenza sono:

  • Gli ansiolitici (benzodiazepine)
  • Antidolorifici (o antiinfiammatori o analgesici)
  • Antidepressivi (possono dare crisi d’astinenza)
  • Barbiturici
  • Dimagranti
  • Narcotici (morfina e metadone)
  • Sonniferi
  • Stimolanti (anfetamine e metanfetamine)

 

Gli antidepressivi, farmaci che agiscono sul sistema nervoso, sono quelli più utilizzati. Gli psicofarmaci sono medicine, che se usate correttamente e sotto il controllo medico, possono dare ottimi risultati nel curare o attenuare i disturbi psichici.

I tossicodipendenti fanno uso smodato di psicofarmaci di qualsiasi natura, senza che essi gli vengano prescritti dal medico.

I farmaci che più comunemente usano i tossicodipendenti sono:

  • Sedativi ipnotici
  • Ansiolitici
  • Antidepressivi

Utilizzare in modo smodato farmaci e psicofarmaci, alla lunga, può portare a creare schemi comportamentali molto pericolosi. Ad esempio prendere regolarmente sonniferi per dormire, stimolanti per alzarsi e alla fine della giornata tranquillanti per rilassarsi. Si rimane intrappolati in un circolo vizioso dal quale è difficile uscire.

Ma non solo i tossicodipendenti usano farmaci e psicofarmaci in modo eccessivo, purtroppo anche le persone che vivono problematiche familiari, personali, lavorative possono credere di trovare sollievo alle loro emozioni negative usandoli. Persone che soffrono di problemi psicologici si rifugiano in essi per soffocare quei sentimenti angoscianti che non riescono a controllare.

Sintomi psicologici che derivano da un uso eccessivo e ripetuto o alla sospensione improvvisa di farmaci e psicofarmaci:

  • Confusione ed intorpidimento mentale
  • Apatia
  • Insonnia
  • Umore instabile
  • Irrequietezza
  • Diffusa tensione
  • Ansia
  • Emotività labile
  • Poco autocontrollo
  • Eccessiva iperattività ed euforia
  • Problemi sessuali

Nelle situazioni più gravi possono manifestarsi: gravi allucinazioni, idee suicidarie e deliri.

Per far sì di non andare incontro a questi sintomi, la persona è spinta ad utilizzare i farmaci aumentandone le dosi.

 

A livello fisico invece di assiste alla comparsa di questi sintomi:

  • Riduzione della concentrazione
  • Riduzione dell’attenzione
  • Riduzione del pensiero
  • Secchezza delle fauci
  • Modo di parlare lento e disarticolato
  • Problemi di memoria

Scoordinamento motorio e rallentamento

  • Ulcere gastriche
  • Battito cardiaco accelerato
  • Problemi sessuali

Nei casi più gravi ci può essere la morte dovuta ad una depressione respiratoria.

 

Uso di farmaci e psicofarmaci assieme ad altre sostanze dannose

Certi farmaci e psicofarmaci se vengono assunti con altre sostanze dannose come l’alcol, che ne aumentano notevolmente gli effetti negativi e la pericolosità.
Una persona che abusa di farmaci e psicofarmaci vive una situazione problematica in una o più sfere della sua vita. Può essere un problema sociale, familiare, personale e/o affettivo. Purtroppo però non si rende conto che cercando sollievo da farmaci e psicofarmaci è entrata in un circolo vizioso difficile da spezzare e che si sta danneggiano ulteriormente.
Farmaci e psicofarmaci non agiscono sul problema ma sul sintomo.

Cura della dipendenza da farmaci e psicofarmaci

Le persone che abusano di farmaci e/psicofarmaci hanno bisogno di un aiuto professionale, uno psicoterapeuta che conosca bene il problema e che li possa accompagnare verso la guarigione. Di base, resta sempre il fatto che, la persona dipendente deve innanzitutto comprendere di avere un problema per poter essere aiutata e questo non sempre accade.

I farmaci se usati correttamente e sotto il controllo medico sono utili. Gli psicofarmaci se usati correttamente, seguendo le indicazione del medico, sono in grado di tenere sotto controllo il  sintomo. Farmaci e psicofarmaci agiscono sul sintomo e non sul problema, quindi se se ci si fa seguire da un professionista, si hanno più probabilità di guarigione.

 

Come porre fine ad una relazione che fa soffrire https://corsi.it/corso/come-chiudere-una-relazione-che-fa-soffrire-3-passi-verso-la-felicita?ap_id=2994590

 

Scopri i grandi benefici della meditazione, guida pratica https://mypsycho.it/meditazione/

 

Forum di supporto https://mypsycho.it/forum-di-supporto/

 

Puoi ascoltare per trenta giorni gratuitamente vari audiolibri, quando stai facendo altro e non hai tempo di leggere puoi semplicemente ascoltare. Ne ho selezionati quattro che ho trovato molto interessanti, ma hai una vastissima scelta. Buon ascolto!
https://mypsycho.it/audible/

 

Come scoprire le bugie osservando le microespressioni (insegnato dal docente di psicologia della Polizia di Stato). Questo corso ti insegna a leggere gli altri e a smascherare i bugiardi. Io l’ho seguito attentamente e devo dire che è fatto molto bene e ti insegna davvero a leggere le altre persone. In questo momento è super scontato. Se vuoi approfittare di ciò che ti può insegnare questo meraviglioso corso clicca sul link https://corsi.it/corso/come-scoprire-le-bugie-osservando-le-microespressioni-insegnato-dal-docente-di-psicologia-della-polizia-di-stato?ap_id=2994590

 

Ho seguito questo corso per aumentare l’autostima e devo dire che è molto valido, ci sono 5 video lezioni gratuite. In questo corso scopri cos’è l’autostima, perché è fondamentale per il successo, ma soprattutto come allenarla e farla crescere grazie a semplici esercizi dall’efficacia dimostrata.  https://corsi.it/corso/come-aumentare-lautostima-tecniche-ed-esercizi-che-funzionano-davvero?ap_id=2994590

Un altro corso che ho seguito e che ritengo davvero ottimo è questo: “Come diventare padrone delle tue emozioni”.  Con questo corso si impara a comandare il proprio stato emotivo, i propri pensieri e a generare emozioni positive qualsiasi cosa accada attorno a noi. Ci sono 3 video lezioni gratuite e poi puoi decidere se fa al caso tuo o no, ma ti assicuro che ne rimarrai assolutamente entusiasta https://corsi.it/corso/diventa-padrone-delle-tue-emozioni-grazie-allalchimia-interiore?ap_id=2994590

 

Amati: Piccola Guida Femminile per una Grande Autostima https://amzn.to/3FV3U6Q

 

Rimedi naturali per ansia, stress e sonno https://mypsycho.it/rimedi-naturali-per-ansia-stress-e-sonno/

Letture e corsi consigliati https://mypsycho.it/libri-consigliati/

 

Filosofia Ayurvedica https://mypsycho.it/ayurvedica/

Che cosa sono le costellazioni familiari https://mypsycho.it/costellazioni-familiari/

 

Ascolta il mio podcast https://spotifyanchor-web.app.link/e/QRlBNlwexvb

Visualizzazioni: 34

Non perderti nessun articolo!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *