Emozioni

Rabbia repressa

Negli articoli utilizzo il maschile per comodità, ma ciò che leggi vale sia per gli uomini che per le donne. Tutto quello che leggi è a puro scopo informativo e non sostituisce il parere di un medico. In qualità di affiliato amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.

La rabbia repressa che cos’è?

 

La rabbia è un’emozione basilare, proprio come la paura, la tristezza, la felicità, la sorpresa. Molte volte la rabbia è vista come un’emozione negativa, ma invece bisogna ricordarsi che è fondamentale perché garantisce la sopravvivenza.

Se viene gestita in modo corretto, la rabbia fa in modo che vengano espresse emozioni, pensieri e bisogni che non ci stanno bene.

Quando la rabbia compromette la qualità della vita o le relazioni con attacchi di rabbia, diventa problematica e disfunzionale. Non è raro che questa emozione venga dal passato, esistono persone sempre arrabbiate che, quasi certamente, hanno vissuto situazioni considerate ingiuste e non si sono potute difendere. In queste persone la ferita profonda fa attivare la rabbia, in questo caso si parla di rabbia repressa.

 

rabbia repressa

 

Rabbia repressa, come nasce

Prima di tutto è fondamentale capire cos’è che scatena la rabbia, ancor di più se è rabbia repressa. Non bisogna nascondere ciò che provoca rabbia, bisogna affrontarlo, se no si rischia di esserne travolti.

Questi punti che elencherò aiutano a capire se si ha rabbia repressa:

  • Senso di costante tristezza. Vivere un blocco emotivo fa si che non si riescano ad esprimere e a provare le emozioni, tutte, non solo la rabbia repressa, ma anche la felicità, l’eccitazione ecc. Continuare a tenere la rabbia repressa fa sprecare un sacco di energie e rende più difficile vivere anche le emozioni positive.
  • Usare molto spesso umorismo sarcastico. Chi ha rabbia repressa spesso usa questo tipo di umorismo, cioè dice cattiverie in modo molto celato.
  • Auto-sabotaggio.
  • Pura del rifiuto. Crescere in una famiglia dove le emozioni non devono essere mostrate porta ad avere molta rabbia repressa. In questa famiglia non si possono esprimere le emozioni, chi è cresciuto in una famiglia del genere ha imparato a reprimere la rabbia, e tutte le altre emozioni, per paura delle conseguenze negative che possono scatenarsi.
  • Fastidio per le piccole cose. Più è grande la rabbia repressa, più ogni piccola cosa irrita.
  • Tensione muscolare, stanchezza, dolori cronici e raffreddori. La rabbia repressa scarica tensione sul corpo, questo può portare ad avere spesso mal di schiena, dolori muscolari, tensione allo stomaco, abbassamento delle difese immunitari ecc.
  • Abitudini nervose, come mangiarsi le unghie, mordersi l’interno delle guance, fumare ecc
  • Dipendenze, qualsiasi tipo di dipendenza come per il cibo, il gioco, sport eccessivo, droghe alcol, farmaci ecc. Molte volte si usa la dipendenza per distrarsi dal dolore.
  • Necessità di avere tutto sotto controllo.
  • Atteggiamento passivo- aggressivo.
  • Scoppi d’ira . Chi ha rabbia repressa non si arrabbia spesso ma quando lo fa, lo fa in modo spropositato rispetto all’accaduto. Questo succede perché si accumula tanta rabbia che poi esplode tutta assieme.
  • Problemi a dire no, con la conseguenza di avere il nervoso dentro di sé per non essere riusciti a dire no.
  • Essere sempre occupati in qualcosa, questo serve per non avere il tempo materiale per sentire le cose.
  • Sentirsi sempre felici. Questo è assolutamente impossibile, ci sono momenti in cui si è felici e momenti in cui non lo si è.

 

rabbia repressa

 

Perché si  reprime la rabbia?

La maggior parte delle volte la rabbia viene repressa in seguito situazioni vissute nell’infanzia. Crescere in una famiglia in cui viene insegnato che la rabbia, e qualsiasi altra emozione, va repressa è dannoso e pericoloso per sé e per gli altri.

 

Conseguenze della rabbia repressa

Sintomi fisici e psichici della rabbia repressa:

  • Sudorazione
  • Rigidità della postura e tensione muscolare, dolore allo stomaco, intestino sensibile, difficoltà nella digestione
  • Bruxismo (chiusura della mascella)
  • Pianto
  • Frustrazione
  • Battito cardiaco accelerato
  • Irascibilità
  • Insoddisfazione
  • Aumento della pressione sanguigna

Depressione, ansia e rabbia repressa vanno “molto d’accordo” tra loro e mettono in serio pericolo la salute mentale. Il carico che la persona repressa ha cresce sempre più, le reazioni aggressive la fanno sentire sbagliata, i rapporti con gli altri si danneggiano sempre di più. La rabbia repressa rovina ogni aspetto della vita quotidiana.

Come scaricare la rabbia?

La rabbia è un’emozione, che va manifestata, bisogna riconoscere i propri sentimenti. Bisogna imparare a dire le cose in faccia, ovviamente senza offendere o giudicare. Questo è il modo migliore per smaltirla.

 

rabbia repressa

 

Come scaricare la rabbia repressa?

Bisogna analizzare i sintomi ed ammettere a sé stessi di soffrirne. Riconoscere il problema e accettarlo. Imparare a riconoscere i momenti, le situazioni e le persone che fanno scaturire questa emozione, imparare a non reprimere e a riconoscere anche tutte le altre emozioni. La rabbia repressa si scarica anche con la respirazione, facendo passeggiate, facendo sport, cercando di avere un buon sonno perché questo aiuta a ritrovare un equilibrio.

Si può chiedere aiuto ad un bravo terapista esperto nel settore, certamente aiuterà nel migliore dei modi ad imparare a sfogare la rabbia repressa. Considerando il fatto che questo sentimento ha origini molto profonde, può non essere facile affrontarlo da solo.

Purtroppo esiste una forte correlazione tra rabbia repressa e depressione, per questo è importante farsi aiutare da un esperto. Il psicoterapeuta crea uno spazio sicuro in cui puoi, in modo produttivo, elaborare la tua rabbia.

La cosa importante da capire è che la rabbia non è violenza, ed è uguale e ha la stessa importanza di tutte le altre emozioni.

Se pensi di avere della rabbia repressa o se pensi che ce l’abbia una persona a te cara, chiedi aiuto ad un medico esperto, vedrai che ti aiuterà a sentirti meglio.

Consulenza on line gratuita via whatsupp. Se hai bisogno di un consiglio o di qualcuno che ti ascolti e, soprattutto, ti capisca clicca qui https://mypsycho.it/consulenza-online-gratuita/

Psicoterapia online https://mypsycho.it/psicologo-online/

Un corso che ho seguito e che ritengo davvero ottimo è questo: “Come diventare padrone delle tue emozioni”.  Con questo corso si impara a comandare il proprio stato emotivo, i propri pensieri e a generare emozioni positive qualsiasi cosa accada attorno a noi. Ci sono 3 video lezioni gratuite e poi puoi decidere se fa al caso tuo o no, ma ti assicuro che ne rimarrai assolutamente entusiasta https://corsi.it/corso/diventa-padrone-delle-tue-emozioni-grazie-allalchimia-interiore?ap_id=2994590

Un altro corso che ho seguito e che ritengo davvero ottimo è questo: “Come diventare padrone delle tue emozioni”.  Con questo corso si impara a comandare il proprio stato emotivo, i propri pensieri e a generare emozioni positive qualsiasi cosa accada attorno a noi. Ci sono 3 video lezioni gratuite e poi puoi decidere se fa al caso tuo o no, ma ti assicuro che ne rimarrai assolutamente entusiasta https://corsi.it/corso/diventa-padrone-delle-tue-emozioni-grazie-allalchimia-interiore?ap_id=2994590

Letture consigliate https://mypsycho.it/libri-consigliati/

Rimedi naturali per ansia, stress e sonno https://mypsycho.it/rimedi-naturali-per-ansia-stress-e-sonno/

Visualizzazioni: 13

Non perderti nessun articolo!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *