La famiglia disfunzionale

Traumi infantili

Negli articoli utilizzo il maschile per comodità, ma ciò che leggi vale sia per gli uomini che per le donne. Tutto quello che leggi è a puro scopo informativo e non sostituisce il parere di un medico. In qualità di affiliato amazon io ricevo un guadagno dagli acquisti idonei.

Traumi infantili e conseguenze nell’età adulta

Traumi infantili, cosa sono?

Quando si pensa ai traumi infantili si pensa subito a cose terribili molto lontane dalle nostre esperienze. I traumi infantili non sono necessariamente delle tragedie ma possono presentarsi nella quotidianità della nostra vita apparentemente tranquilla. I traumi infantili possono portare conseguenze fisiche, mentali e al nostro sistema immunitario.

Come si manifesta e che cos’è il trauma psicologico? I traumi psicologici sono ferite dell’anima.

Ci sono traumi di grande entità come incidenti, abusi, disastri naturali che portano alla morte o che costituiscono un pericolo, e poi ci sono quei traumi che sono quasi invisibili ad un occhio molto poco attento, che non portano alla morte o a un pericolo di vita ma creano grandi e gravi danni psicologici. Cosa provocano questi così detti piccoli traumi in un bambino? Cosa succede quando un bambino viene perennemente trascurato e maltrattato?

Traumi infantili: conseguenze e caratteristiche

Uno dei bisogni primari è l’Amore, l’assenza può generare effetti importanti e gravi. Molti bambini nascono e crescono in famiglie prive di amore e di cure indispensabili per la crescita sana, infatti oltre a soddisfare i bisogni primari quali nutrizione, igiene e sonno devono essere soddisfatti anche altri bisogni molto importanti, che sono il riconoscimento e sostegno emotivo, le coccole, gli abbracci, la protezione e altri. Quando mancano questi elementi di base, ci possono essere conseguenze spiacevoli e molto importanti sia sul bambino, che sull’adulto che diventerà.

Mancanza d’affetto conseguenze

Quando l’affetto e l’amore tanto desiderati non arrivano, si cercherà di colmare quel grande vuoto con altro, i bambini prima e dopo adolescenti possono attuare comportamenti di compensazione diametralmente opposti.

Colmare l’assenza d’amore con le droghe, l’alcol, il cibo, amori pericolosi e disfunzionali, comportamenti rischiosi, oppure tentativi di ricevere amore estremi assumendo comportamenti impeccabili, ricerca della perfezione e del successo, il tutto fatto nella speranza di essere riconosciuti e visti e di poter ricevere un gesto d’amore.

Purtroppo assieme a questi atteggiamenti si creano anche dei disagi fisici e psicologici, che possono essere anche molto gravi.

Spesso queste modalità di compensazione non vengono attuate consapevolmente, sono un urlo estremo verso i propri genitori, una richiesta d’amore. L’assenza dell’amore da parte dei genitori viene vissuto con la sensazione di non essere degno d’amore, di essere sbagliato e con un grande senso di colpa.

In età adulta i bambini non amati saranno in grande difficoltà, la ricerca costante d’amore può portare a vivere relazioni violente e pericolose. Le violenze vengono giustificate dal fatto che pensano di non essere degni, di non essere amabili e quindi possono/devono essere puniti. Oppure diventano donne e uomini incapaci di amare, incapaci di esprimere empatia e affetto, perché non sanno come si fa e faticano a fidarsi, a farsi amare e a capire come qualcuno possa provare affetto vero e puro verso di loro, visto che non lo hanno mai ricevuto.

Sono innumerevoli le conseguenze della mancanza d’affetto da parte dei genitori, ogni individuo e a sé però si può dire che, in genere, l’assenza d’amore lascia un grande segno e compromette l‘autostima, le relazioni e l’immagine di sé.

Non si considerano solo i bambini che sono cresciuti in ambienti violenti e maltrattanti ma di tutti i bambini che hanno avuto genitori che faticano ad esprimere affetto, cure e attenzioni mettendo in atto comportamenti disfunzionali più o meno gravi.

  • Genitori troppo indaffarati
  • Genitori troppo presi dalla cura di sé
  • Genitori che trovano il tempo solamente per gli amici e per gli svaghi personali
  • Genitori ossessionati dalla cura della casa
  • Genitori incapaci di instaurare una relazione di gioco
  • Genitori presi da mille altre cose tranne che dai bisogni dei propri figli

Tutti i bambini cresciuti in famiglie in cui l’attenzione e il tempo per loro non c’è mai, dove tutto ha più importanza e l’amore viene sostituito da concessioni e denaro.

Certamente i bambini che hanno subito maltrattamenti, violenza, rifiuto e abusi vivono effetti più devastanti rispetto a chi non li ha subiti. Ad esempio con:

Nell’attaccamento insicuro disorganizzato, i bambini spesso subiscono abusi psicologici e fisici.

Traumi infantili, effetti sulla vita adulta

1. Sensibilità estrema

Quante volte ti hanno ripetuto la frase: “Sei troppo sensibile“, magari non ne sei consapevole ma il tuo mondo viene dominato dalla parola rifiuto. Ti piacerebbe essere apprezzata e accettata da tutti, questo non è possibile e così per ogni leggerezza altrui ti offendi. Ti aspetti che le persone si comportino in un certo modo, e quando questo non succede rimani delusa, ma devi imparare a discriminarlo da quelli che sono l’eredità di una ferita passata.

2.Paura di fallire

Per una figlia o un figlio non amati ogni insuccesso viene vissuto come un fallimento catastrofico, che va a minare l’autostima, e vale come prova tangibile che non meritano nulla, che non meritano amore. Ad esempio una storia d’amore che finisce, sarà vissuta come un fallimento gigantesco, che confermerà il loro non valore e il loro non meritare amore. Una persona sicura affronta i fallimenti con razionalità e i pensieri sono costruttivi.

3. Attaccamento dipendente, evitante o insicuro

La storia tanto dovrà finire, è meglio che ci lasciamo adesso.

Sentimento di sicurezza e fiducia nei confronti del genitore costituisce un attaccamento sicuro, quando questo non avviene si avranno forti ripercussioni da adulti nella sfera sentimentale. Questi meccanismi tremendi li ereditiamo dalle nostre madri, gli applicheremo quotidianamente nella nostra vita sentimentale, e ci porteranno ad avere relazioni tossiche e a ripetere sempre gli stessi modelli.

4. Rapporto madre figlia/figlio

Un figlio o una figlia trascurata emotivamente anche da adulti si faranno dominare dal genitore, la madre continuerà a creare confusione e insicurezze, in questo modo si instaurano rapporti conflittuali caratterizzati da odio-amore.

5. Bassa intelligenza emotiva, alessitimia

L’alessitimia è il contrario dell’empatia, cioè l’incapacità di sentire le altrui e le proprie emozioni. I bambini che crescono con una madre o un padre o entrambi emotivamente assenti, da adulti, faranno fatica a sentire e a descrivere i propri sentimenti e ad accedere ai propri stati interiori.

6. Mancanza di fiducia

I bambini che crescono in sintonia con i genitori saranno soddisfatti in tutti i loro bisogni, nutrizione, contatto fisico, protezione e rassicurazioni.

Quando questa sintonia non si instaura, i bambini penseranno di non meritare amore, i bambini non possono capire che sono i genitori ad avere dei conflitti irrisolti, quindi si incolperanno e penseranno di essere loro quelli sbagliati. Questi bambini cresceranno con la convinzione di non valere abbastanza e con la paura di essere abbandonati.

7. Ogni malessere emotivo viene somatizzato

In poche parole, quando le emozioni e i malesseri non vengono affrontati, ma vengono inespressi e somatizzati, (riconducibile all’alessitimia) verranno fuori attraverso disturbi psicosomatici.

8 . Isolamento emotivo e sentimenti di solitudine

“Ricordo, quando ero piccola, questa sensazione bruttissima: mi sentivo di non appartenere a questo mondo, di vivere una vita che non era la mia, mi sentivo diversa.”

Non riuscendo ad accedere ai loro stati interiori e a capire le loro emozioni, si percepiscono diversi. Non riescono a guardare in fondo dentro loro stessi e di conseguenza non riconoscono negli altri tratti di loro stessi.

10. Scegliere partner tossici e/o amici sbagliati

Purtroppo, molto spesso, i bambini non amati in età adulta non sapranno ricevere amore perché non hanno imparato cosa vuol dire essere amati.

Tutti cercano qualcosa di familiare nelle relazioni, chi non è stato amato da piccolo instaurerà relazioni disfunzionali come quella vissuta nell’infanzia.

I bambini, diventati adulti, che hanno vissuto in questo tipo di famiglie, prima di un rapporto di coppia, dovrebbero attraversare un percorso di rieducazione emotiva, fortunatamente ogni tanto può succedere che, nonostante tutto, ci si leghi spontaneamente ad una persona con stile di attaccamento sicuro.

Come fare per superare le ferite ed imparare ad amarci e ad amare

Nell’infanzia abbiamo appreso un modo disfunzionale per richiedere attenzioni, adesso tocca a noi metterci in gioco per acquisirne di nuove e soprattutto funzionali.

Riconoscere le proprie ferite

Le ferite dell’infanzia possono essere difficili da riconoscere e da vedere, per questo motivo può risultare complicato comprendere che certi comportamenti, la maggior parte inconsci e automatici, hanno origine dall’infanzia.

Questo succede perché i bambini credono che ciò che accade nella loro casa sia normale, si adattano, in modo inconscio, alle circostanze. I bambini tenderanno a giustificare o a negare i comportamenti disfunzionali dei propri genitori, perché l’unica cosa che vogliono è avere un briciolo d’amore.

Quindi il primo passo è quello di riconoscere le proprie ferite.


Capire quale è il proprio stile di attaccamento

Per approfondire e capire qual’ è lo stile di attaccamento che ti appartiene puoi leggere questo https://mypsycho.it/stili-di-attaccamento/

Capire le modalità generali e inconsce in cui si pensa alle relazioni e agli altri .

I bambini che sono stati amati e sostenuti, da adulti hanno uno stile di attaccamento sicuro, al contrario, i bambini che non sono stati amati e sostenuti, da adulti hanno uno stile di attaccamento preoccupato, ansioso, sono sempre in allerta, oppure evitante.

Il sapere come ci si rapporta, inconsciamente, agli altri è un primo passo a livello emotivo.


Imparare a dare un nome alle emozioni

Bisogna imparare a dare un nome alle proprie emozioni, anche se da bambini ci è stato detto che le nostre emozioni dipendevano dal fatto che eravamo troppo infantili, oppure troppo sensibili, oppure se nostra madre ci ingannava, ad esempio ci convinceva che qualcosa non era mai accaduto, in questo caso risultava difficile usare le emozioni per alimentare i pensieri.

Distinguere, ad esempio, la rabbia dalla vergogna aiuta anche a governare, preventivamente, le emozioni.

Iniziare a vedere come si è veramente

Riconoscendo le proprie ferite ci si inizia a vedere per come siamo realmente, e non come ci facevano credere di essere.

 

La fiducia

Capire i problemi riferiti alla fiducia, il riconoscere che la mancanza di fiducia negli altri è inconscia e automatica ed influenza come vediamo le relazioni interpersonali, è un grande ed importante passo.

 

Prova ad essere un buon genitore di te stesso, assumiti le tue responsabilità emotive, datti le giuste rassicurazioni, rispondi a qualsiasi tua reazione emotiva con benevolenza, interesse e comprensione, in questo modo aumenterai la tua autostima.

Se hai bisogno d’aiuto fatti seguire da un bravo psicoterapeuta.

 

Come porre fine ad una relazione che fa soffrire https://corsi.it/corso/come-chiudere-una-relazione-che-fa-soffrire-3-passi-verso-la-felicita?ap_id=2994590

 

Scopri i grandi benefici della meditazione, guida pratica https://mypsycho.it/meditazione/

 

Forum di supporto https://mypsycho.it/forum-di-supporto/

 

Puoi ascoltare per trenta giorni gratuitamente vari audiolibri, quando stai facendo altro e non hai tempo di leggere puoi semplicemente ascoltare. Ne ho selezionati quattro che ho trovato molto interessanti, ma hai una vastissima scelta. Buon ascolto!

 

Corsi crescita personale consigliati https://mypsycho.it/corsi-crescita-personale-online/

 

Che cosa sono le costellazioni familiari https://mypsycho.it/costellazioni-familiari/

Impara una semplice routine che ti insegnerà a migliorare la tua autostima, il tuo umore e la percezione di te https://corsi.it/corso/luce-dentro-trovare-gioia-sempre?search=resilienza&ap_id=2994590

 

Se stai attraversando un brutto momento o se stai facendo fatica a rialzarti da un colpo pesante che la vita ti ha dato questo è il corso che fa per te https://corsi.it/corso/inarrestabile-sviluppare-resilienza?ap_id=2994590

Ho seguito questo corso per aumentare l’autostima e devo dire che è molto valido, ci sono 5 video lezioni gratuite. In questo corso scopri cos’è l’autostima, perché è fondamentale per il successo, ma soprattutto come allenarla e farla crescere grazie a semplici esercizi dall’efficacia dimostrata.  https://corsi.it/corso/come-aumentare-lautostima-tecniche-ed-esercizi-che-funzionano-davvero?ap_id=2994590

 

Ti consiglio anche questo video corso fatto davvero bene e molto utile.  “Training autogenotecniche di rilassamento. E’ un video corso molto ben sviluppato, fatto da una psicologa. Molto semplice ma allo stesso tempo molto utile https://corsi.it/corso/corso-di-training-autogeno-tecniche-di-rilassamento?search=stress&ap_id=2994590

Rimedi naturali per stress, ansia e sonno https://mypsycho.it/rimedi-naturali-per-ansia-stress-e-sonno/

 

Filosofia Ayurvedica https://mypsycho.it/ayurvedica/

 

Letture consigliate https://mypsycho.it/libri-consigliati/

Masturbazione femminile, perché è ancora un tabù? https://mypsycho.it/masturbazione-femminile/

 

Ascolta il mio podcast https://spotifyanchor-web.app.link/e/QRlBNlwexvb

Visualizzazioni: 18

Non perderti nessun articolo!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *